COME GESTIRE L’ALIMENTAZIONE NELLE FESTIVITA’

COME GESTIRE L’ALIMENTAZIONE NELLE FESTIVITA’

Dicembre 10, 2019 Off Di Martin23
Tempo di lettura: 5 minuti

Le vacane si stanno avvicinando, e quel periodo dove ci ritroviamo tutti riuniti ad un tavolo con famiglia, parenti, nonni, zii, bis-cugini e chi ne ha più ne metta sta arrivando. Tavole bandite di cibi buonissimi ma al tempo stesso al di fuori della nostra portata a livello digestivo in quanto non abituati a consumarli durante l’anno, ma per una volta dopo un lungo periodo di stile di vita bilanciata ed equilibrata ci stanno benissimo. Anzi, guai se non ci fossero queste occasioni sociali.

Pranzo di natale

Con l’avvento di queste feste lo scopo di questo articolo sarà quello di cercare di darvi qualche suggerimento su come gestire queste giornate, a livello alimentare, all’insegna di piatti abbondanti e spesso molto calorici al fine di limitare la sensazione spiacevole nel pensare di aver rovinato tutto quello di guadagnato sino ad ora con l’allenamento, quando alla fine non avrete fatto assolutamente niente di disastroso se terrete a mente questi consigli pratici e semplici.

ANTICIPARE L’ECCESSO CALORICO

Ebbene una prima strategia da poter optare quando sappiamo precisamente avverrà la cena/pranzo è quello di limitare il surplus calorico di questo evento andando a creare un leggero deficit calorico nei giorni antecedenti.

Questo metodo farà si che l’eccesso calorico di quel pasto sarà lievemente compensato dalla diminuzione calorica avvenuta nei giorni scorsi, con la conseguenza di poter essere tranquilli che il cibo assunto in più non andrà a influenzare tanto negativamente la nostra media settimanale e di conseguenza la nostra composizione corporea. Un semplice esempio lo feci tramite un post su Instagram (Se non lo avete fatto seguitemi, molto frequentemente inserirò infografiche simili a questa), il quale riassume l’impostazione generale di come effettuare questo metodo.

La domanda sorge spontanea a questo punto: “Quante calorie devo togliere nei giorni prima per far si che quel pasto non gravi troppo?”

Questo è altamente soggettivo, un buon consiglio che posso darvi è di effettuare una diminuzione calorica nelle giornate pre-natalizie da non compromettervi le giornate con troppa, ripeto troppa, fame da non riuscire a gestirla. Deve essere moderata e al tempo stesso funzionale all’obiettivo. Ad esempio togliere 400kcal per tre giorni sono un calo “medio-alto”, per esempio togliendoli un po’ da i carboidrati e un po’ da i grassi, macronutrienti solitamente abbondanti in queste occasioni.

Esempio:

Carbo: 200kcal= 200/4= 50 gr .

Ovvero 100 grammi di pane da togliere metà a pranzo e metà a cena, lasciando a disposizione i restanti carboidrati per tutti gli altri pasti.

Grassi: 200kcal= 200/9= 22 gr.

Ad esempio togliete la Brioche a colazione che ne contiene circa 19gr, oppure 2 cucchiai di olio evo, visto che quest’ultimo è un alimento sottostimato da molti.

Ecco uno schema riassuntivo di come potreste impostare la settimana:

Pranzo di Natale per dimagrire. Dimagrire dopo Natale

Se non sapere quale siano le vostre calorie per il mantenimento e non conoscete il TDEE, vi lascio l’articolo in merito a questo argomento per poterlo trovare con semplici passaggi:

LEGGI ANCHE: COSA E’ IL TDEE? COME CALCOLARLO?

COSA FARE NELLE GIORNATE FESTIVE

Natale-cibo

DIVERTITEVI E SIATE SERENI!

Non c’è nessun consiglio alimentare o strategico in questi momenti se non quello di essere sereni e di vivere i momenti insieme ai vostri più cari parenti.

Queste occasioni avvengono solo poche volte l’anno, e quando arrivano l’aspetto più importante è di assaporare la socialità e il divertimento con i famosissimi giochi da tavola e di carte, accompagnati da un buon cibo e tanti sorrisi. Non provate neanche a pensare a quante calorie ha la lasagna della nonna ( anche perché sono impossibili da trovare) o quanto olio la zia Pina ha messo nell’innocua insalata, psicologicamente vi porterà a non gustarvi appieno l’atmosfera e la gioia di questi istanti.

VIVETE LE FESTE.

Probabilmente l’unico consiglio che posso darvi è quello di mangiare poco ma tutto ciò che la tavola propone, in modo tale da potervi concedere alimenti tanto desiderati di mangiare e di non ritrovarvi dopo una sola portata ad essere pieni e gonfi come una zampogna. Insomma, di tutto un po’.

E DOPO LE FESTE, COSA SI FA? COSA SUCCEDE?

Domanda-interrogazione

Partiamo subito da quello per cui tutti saranno in ansia il 27 Dicembre: IL PESO SULLA BILANCIA.

Sicuramente la voglia di salire su quel marchingegno malefico sarà pari a zero, complice lo specchio tramite il quale noterete la vostra pancia più gonfia rispetto al solito facendovi partire subito il mega pippone mentale “O MIO DIO SONO INGRASSATO/A”. Ecco, state tranquilli perché questo non sarà tutto grasso accumulato a causa di questi giorni di abbondanza calorica. E posso spiegarvelo tramite un post fatto su Instagram l’anno scorso di questo periodo.

Dimagrire-feste

Ebbene, dopo una grande abbuffata insolita il nostro corpo tenderà ad aumentare di peso a causa principalmente dall’accumulo di acqua causato da alimenti poco abituati a mangiare. Solitamente questi sono carboidrati in quanto ogni grammo di carboidrato porta con se quasi 3gr di acqua, quindi è giustificabile vedersi più pieni o “Morbidi”. E questo va a congiungersi alla quantità e qualità del cibo, in quanto alcuni alimenti avranno dei micronutrienti poco tollerati dal nostro corpo che causeranno più ritenzione. Infine, ovviamente, ci sarà una piccola percentuale di adipe accumulato ma non tanto da dovervi preoccupare in quanto una volta ritornati alla normale alimentazione nel giro di qualche settimana dovreste togliere questa ritenzione e gonfiore. Per anticipare un po’ i tempi potreste optare per questi altri suggerimenti.

ESSERE ATTIVI

Anche se il pranzo vi potrà causare una stanchezza post prandiale dovuta principalmente all’innalzamento dell’insulina, la quale comporterà l’aumento della serotonina, ormone principale nel farsi sentire “abbioccati” dopo un grosso pasto, una bella passeggiata puo’ farsi più che bene per diversi motivi:

  • Aiuta la digestione
  • Vi toglie il senso di pesantezza
  • Sfruttate l’eccesso calorico per poter fare più movimento
camminare-salute

COSA EVITARE

Ultima ma non di importanza, vorrei far notare un comportamento che spesso sento e vedo fare a coloro i quali dopo una giornata alimentare maggiormente abbondante del solito fanno: DIGIUNARE TUTTO IL GIORNO SEGUENTE.

Piatto-digiuno

Ecco, tale comportamento fatto perchè si è sentito dire che fa bene e depura il corpo a eliminare le tossine causate dal giorno precedente non è una bellissima idea, magari sarebbe meglio fare la cosa più importante: ASCOLTARE IL PROPRIO CORPO.

Solitamente il giorno dopo ad un abbuffata non si è molto propensi nel mangiare, per cui il mio consiglio è quello di saltare solamente un pasto, solitamente la colazione, in modo tale da diminuire il totale calorico settimanale( Vedi infografica sopra) e sentirsi più leggeri nel corso della giornata ritornando alla consueta alimentazione di sempre.

Cosi facendo avrete comunque modo di alimentare il corpo e sentirvi al tempo stesso meglio grazie ad un leggero digiuno dalla sera precedente sino al pranzo.

Ricordatevi infine che queste feste sono principalmente una fonte di compagnia,armonia familiare e divertimento. Il pensiero del cibo e delle loro calorie vi porterà solo stress inutile e comprometterà la vostra socialità con persone a voi care.

Effattuate scelte intelligenti come spiegato nell’articolo e vivete sereni.

SEGUIMI ANCHE SU ALTRI CANALI SOCIAL
InstagramFacebook
Se sicuro di potercela fare da solo? Se non lo sei dai un’occhiata al servizio di coaching online offerto.
Condividimi!